GADGET VIVENTI, TATTOO, PIERCING

Dalla Cina, sterminato Paese così lontano geograficamente e culturalmente da noi, periodicamente giungono notizie che mostrano senza ombra di dubbio a quali infimi livelli possano precipitare gli esseri umani.
Ecco dunque i gadget viventi, nella fattispecie i portachiavi di cui si parla già da alcuni anni e il cui commercio in quella nazione sembra essere del tutto legale.
L'articolo di Tgcom24 e il video di EuroNews rendono chiaramente l'idea delle condizioni in cui pesci ed anfibi vivranno la loro effimera vita, in attesa di morire per mancanza di ossigeno.




Come si possa essere così assolutamente insensibili alla sofferenza dei poveri animaletti e altrettanto ignoranti e imbecilli da acquistare simili oggetti, resta un mistero...
E se anche il venditore assicura che possono vivere per...mesi...e se anche per assurdo fosse vero, come si può anche solo lontanamente pensare di far vivere in una simile prigione degli esseri viventi?
Evidentemente l'essere umano in tanti millenni non solo non si è mai evoluto, ma addirittura ha avuto una chiara involuzione.

I Cinesi certo non brillano per attenzione ai diritti umani e meno ancora per quelli degli animali, ma non illudiamoci che si tratti solo di un problema di quel popolo: quanti turisti occidentali hanno acquistato quei portachiavi viventi, durante i Giochi Olimpici e anche dopo?
E se nel nostro "civile" occidente non esiste, fino a prova contraria, un simile commercio, siamo sicuri che dipenda solo da una diversa consapevolezza e non piuttosto dal fatto che ciò è vietato per legge?

Questo dubbio sorge perché altre esecrabili pratiche sugli animali fanno furore negli Stati Uniti, come in Canada e in altri Paesi Europei e addirittura proprio nel nostro Paese, e questo semplicemente perché non sono vietate, al contrario degli animaletti nella plastica...

Se non ci fosse questo divieto ci sarebbe da scommettere che come in Cina anche qui con tutta probabilità si potrebbero trovare in vendita tartarughine, salamandre e pesciolini portachiavi...
Sembrerebbe addirittura che sia già stato operato qualche sequestro tra i venditori ambulanti che popolano le nostre spiagge estive...

Comunque, divieti o no, gli acquirenti tutti, quindi non solo i cinesi, ma anche gli "occidentali", non hanno una coscienza, una sensibilità, un'etica, un minimo di intelligenza?
Se comprano, la risposta è una sola: NO, non ce l'hanno.





E infine ecco una breve carrellata di poveri animali con tatuaggi e piercing; è l'ultima moda di certi padroni...

      

Ma questi c******* non potrebbero accontentarsi di deturpare se stessi?!





  

E' proprio un'ulteriore dimostrazione, se ancora ce ne fosse bisogno, dell'involuzione emotiva e mentale di gran parte della razza umana...




Animali SOS non aderisce a campagne pubblicitarie e non ha alcun interesse a far comparire sul tuo browser banner e pop-up; se ne vedi, sappi che non dipende da noi.

Blocca la pubblicità sul tuo browser Non sai come bloccare la pubblicità prima che arrivi sul tuo browser? Scoprilo cliccando sul lucchetto.


    


Né a Pasqua, né mai!


Articolo di Beatrice Montini (Corriere della Sera)
Investigazioni di Animal Equality Italia




Malata di sclerosi multipla e contraria alla sperimentazione animale
Dottor Stefano Cagno

Clicca la foto per l'articolo del dott. Stefano Cagno, Dirigente Medico Ospedaliero dell'Az. Osped. Desio e Vimercate (MB)
Visita EQUIVITA
























                                                                                                    Sito aggiornato a