VETRATE
trappole mortali per tutti gli uccelli


Un altissimo numero di uccelli di tutte le specie perde la vita ogni anno a causa di collisioni contro i vetri.
Sono rari gli impatti contro i comuni vetri delle finestre di casa, ma già più frequenti quelli contro i "vetro-camera" cioè quelli erroneamente chiamati "doppi vetri" e dove in pratica il vetro della finestra è costituito da due vetri paralleli distanziati di alcuni millimetri e montati su un unico telaio; questo tipo di vetro produce un effetto riflettente che inganna gli uccelli.

Sono frequentissimi gli impatti contro gli edifici costruiti con intere pareti a vetri riflettenti, quelle, per intenderci, che quando le guardiamo mentre passiamo per strada, hanno un notevolissimo effetto-specchio e vi si vede riflesso il paesaggio circostante.
L'uccello questo non lo sa e vi si dirige con decisione, andando incontro a morte sicura.

Micidiali sono anche i pannelli trasparenti fonoassorbenti in vetro o materiale sintetico, installati per legge lungo le ferrovie e le strade ad intenso traffico che attraversano centri abitati.
Infatti, pur non essendo riflettenti, né particolarmente puliti, questi pannelli permettono di scorgere benissimo il panorama da ambo le parti; l'uccello non si accorge dell'invisibile ostacolo e vi impatta, morendo.
Succederebbe la stessa cosa se un bambino in corsa si trovasse davanti una vetrata; addirittura è già successo a persone adulte di sbattere contro una porta a tutto vetro, perché era talmente pulito da essere invisibile.
Per questo motivo le porte a tutto vetro, come ad esempio quelle di alberghi, ospedali, locali pubblici, scuole, ecc. sono provviste di vetrofanie.

Alcuni Enti Pubblici hanno cercato di ovviare alla micidialità dei pannelli stradali fonoassorbenti disponendo l'applicazione di vetrofanie riproducenti sagome nere di uccelli rapaci, ma i risultati sono stati deludenti: gli uccelli si schiantano ugualmente.
Questo perché nella maggior parte dei casi le vetrofanie applicate su ogni pannello sono in numero decisamente insufficiente e l'uccello, nello spazio fra una sagoma e l'altra, continua a vedere il paesaggio e vi si dirige.
Queste vetrofanie dovrebbero essere posizionate molto più vicine le une alle altre, per essere efficaci.
Da ricerche fatte, la distanza ideale è di una decina di centimetri.



Nell'interessante ed utile opuscolo della Stazione Ornitologica Svizzera di Sempach troverete molti consigli per ridurre i pericoli da impatto contro i vetri, causa di morte per moltissimi uccelli di ogni specie, in ogni parte della terra.

Nel nostro mondo civilizzato, la morte causata da vetrate è uno dei più grossi problemi riguardanti la protezione degli uccelli.
Soltanto in Svizzera centinaia di migliaia di uccelli muoiono ogni anno a causa di collisioni contro vetrate.
Molti edifici potrebbero essere costruiti in maniera meno pericolosa per gli uccelli e molte trappole potrebbero essere rese meno pericolose.
Vi mostriamo dove si celano e come si possono evitare i pericoli.
La protezione degli uccelli inizia a casa propria.
Stazione ornitologica svizzera-aiutateci anche voi!





A cura della Stazione Ornitologica Svizzera di Sempach :

Vetrate: trappole mortali per gli uccelli

Costruire con vetro e luce rispettando gli uccelli



A cura del CABS (Committee Against Bird Slaughter):

Finestre, pannelli trasparenti e vetro






Animali SOS non aderisce a campagne pubblicitarie e non ha alcun interesse a far comparire sul tuo browser banner e pop-up; se ne vedi, sappi che non dipende da noi.

Blocca la pubblicità sul tuo browser Non sai come bloccare la pubblicità prima che arrivi sul tuo browser? Scoprilo cliccando sul lucchetto.


    


Né a Pasqua, né mai!


Articolo di Beatrice Montini (Corriere della Sera)
Investigazioni di Animal Equality Italia






Malata di sclerosi multipla e contraria alla sperimentazione animale
Dottor Stefano Cagno

Clicca la foto per l'articolo del dott. Stefano Cagno, Dirigente Medico Ospedaliero dell'Az. Osped. Desio e Vimercate (MB)
Visita EQUIVITA












                                                                                                    Sito aggiornato a