LA CARNE SUINA

Come già accennato nella pagina "Un riccio in giardino" alcuni esperti pongono un secco NO all'uso della carne suina nell'alimentazione del riccio.
E generalmente non vengono fornite ulteriori delucidazioni circa i motivi che stanno alla base di questo divieto.



Viene invece vivamente consigliato di utilizzare per lo svezzamento dei giovani ricci o per l'alimentazione degli individui debilitati o convalescenti questo cibo umido, comunemente chiamato "a/d Hill's".
Nulla da eccepire sul prodotto in sè, non è certo questa le sede giusta per farlo.



E' largamente e quotidianamente utilizzato, a quanto pare con ottimi risultati, per varie specie animali, oltre a quelle cui è espressamente dedicato e cioè cane e gatto.
Personalmente preferisco evitare del tutto i cibi dell'industria del "pet food" per l'alimentazione quotidiana dei miei animali.
Indubbiamente richiede più impegno preparare in casa le pappe per i nostri pelosetti e ovviamente non tutti ne hanno il tempo.
Oppure il tempo c'è, ma è la voglia che difetta; è molto più sbrigativo aprire una scatoletta o un sacchetto di croccantini e versare nel piatto.
Bisogna anche tener conto di quanta influenza abbiano la pubblicità e magari anche i consigli del veterinario, nell'orientare verso la scelta di un alimento industriale.

Tornando al cibo umido "a/d Hill's" si può dire che sia validissimo per l'alimentazione del riccio nei periodi critici, consentendo così anche a coloro che non hanno conoscenze specifiche su questo animaletto, di fornirgli un cibo completo degli elementi nutritivi di cui necessita.

Tuttavia leggendo la composizione riportata in etichetta e avendo ben presente il "no" all'uso di carne di maiale, non si può non restare allibiti.

In questa foto (purtroppo la qualità dell'immagine lascia a desiderare) la scritta in primo piano è in lingua inglese, quella in italiano è posta sul lato destro.
Chiunque però, leggendo la parola pork non avrebbe problemi a capire immediatamente che si tratta semplicemente di...maiale!
E' al secondo posto come ingrediente, subito dopo l'acqua (water) e ciò significa che la carne suina è quantitativamente la componente principale di questo cibo.

Di conseguenza è comprensibilissimo come ciò possa creare notevole sconcerto, perché abbiamo tra le mani un essere vivente, un riccio, quindi un animale, non un sacco di patate!
E dunque questa benedetta carne di maiale gliela possiamo dare oppure no?

Qualcuno vi potrebbe rispondere che la carne suina è molto grassa e il divieto ha lo scopo di evitare che si pensi di poter nutrire un riccio esclusivamente, o quasi, a carne di maiale.

Non sarebbe allora meglio informare spiegando il perché, invece di limitarsi ad un generico ma perentorio "no", dando così la netta impressione di scarsa considerazione dell'altrui intelligenza e capacità di comprensione?

Per concludere, teniamo ben presente che alternare i cibi è sempre la soluzione migliore, perché in tal modo si riescono ad assumere tutti i principi nutritivi e si evitano così carenze di questo o quell'elemento o eccessi di quell'altro.

Pertanto tra i vari cibi che daremo al nostro riccio mettiamoci tranquillamente anche la carne di maiale, con l'avvertenza di eliminare il grasso in eccesso; ma questo è un accorgimento che dovremmo avere anche con le altre carni.
Che poi si tratti di cani, gatti, ricci, o anche di noi stessi, sarebbe sempre bene farlo.














Animali SOS non aderisce a campagne pubblicitarie e non ha alcun interesse a far comparire sul tuo browser banner e pop-up; se ne vedi, sappi che non dipende da noi.

Blocca la pubblicità sul tuo browser Non sai come bloccare la pubblicità prima che arrivi sul tuo browser? Scoprilo cliccando sul lucchetto.


    


Né a Pasqua, né mai!


Articolo di Beatrice Montini (Corriere della Sera)
Investigazioni di Animal Equality Italia






Malata di sclerosi multipla e contraria alla sperimentazione animale
Dottor Stefano Cagno

Clicca la foto per l'articolo del dott. Stefano Cagno, Dirigente Medico Ospedaliero dell'Az. Osped. Desio e Vimercate (MB)
Visita EQUIVITA












                                                                                                    Sito aggiornato a