ALBERI, CESPUGLI E SIEPI
La potatura



Gli alberi
Non prendiamo esempio dalle molte pubbliche amministrazioni che commissionano ogni anno i soliti, disgraziatissimi interventi di capitozzatura degli alberi.
Questo tipo di taglio è stato prontamente adottato anche da molti privati che devono aver pensato che se lo utilizzano i Comuni è senz'altro un ottimo metodo.
Assolutamente no!!!

Leggi qui i motivi per cui non si deve capitozzare!




Interessantissimo pdf proposto dall'amministrazione di Castenaso, un comune intelligente, che tratta l'argomento in modo approfondito.

Ricorda che le pubbliche amministrazioni amanti della capitozzatura lo fanno o per ignoranza, o principalmente per mettersi al riparo dall'eventualità che cittadini danneggiati direttamente o nei loro beni da un ramo spezzatosi durante un forte vento o un temporale potessero intentare una causa per ottenere un risarcimento.

Potiamo dunque per contenere la crescita dell'albero, ma facciamolo come si deve, cercando di mantenergli l'aspetto il più naturale possibile.
Si vedono in giro alberi con la sommità della chioma tagliata da sembrare un tavolo; abeti con la punta mozzata; grandi conifere con i grossi rami principali amputati, platani fatti crescere con i rami in orizzontale per formare una sorta di pergolato, betulle con il tronco mozzato e fatte crescere a forma di ombrello.
Ma se vogliamo un ombrello vegetale, mettiamo un bel salice piangente!

Avete mai osservato d'estate come appare un albero capitozzato?
Se l'intervento è recentissimo, sarà indubbiamente poco gradevole; avrà un tronco sproporzionato rispetto alla chioma striminzita; se la capitozzatura è vecchia di un anno, allora potrebbe avere una aspetto leggermente meno brutto.
Però se lo osserverete d'inverno, quando è spoglio, un albero così malamente amputato sarà un vero obbrobrio: fusto e tronconi dei grossi rami, cicatrici nodose e folti ciuffi di deboli rametti...
E prima di piantare una conifera, fosse anche solo l'abetino natalizio, pensiamo che con gli anni si svilupperà moltissimo e ovviamente nel nostro piccolo giardino creerà qualche problema, a noi e magari anche al vicino.
Gli alberi di grande sviluppo hanno necessità di ampi spazi che ben difficilmente i nostri piccoli giardini possono garantire, quindi meglio non piantarli neppure, ma scegliere invece qualche specie di modesto sviluppo che possa restare per tutta la sua vita nel nostro pezzo di terra.
Quindi anche in questo caso è importantissimo informarsi bene prima di acquistare e piantare un albero.

Siepi e cespugli



Siepi e cespugli sono importantissimi per gli animali, che vi trovano riparo, nonché insetti e piccoli invertebrati di cui cibarsi; a sinistra un classico esempio di siepe campestre.















Spesso però si potano le siepi in modo geometrico e tanto perfetto da farle sembrare muri viventi.
E' il sistema più facile e più rapido: un bel tagliasiepi e via!
Se poi non si ha voglia di servirsi di una scala, ecco che la siepe viene tenuta ad altezza di comodità di lavoro...


Invece usando le cesoie per tagliare solo le parti che vogliamo eliminare per contenere la crescita del nostro cespuglio o della nostra siepe, indubbiamente otterremo un risultato decisamente più in sintonia con l'ambiente naturale.
Se lasceremo che la siepe raggiunga una certa altezza, anche se per noi sarà un po' più impegnativa la manutenzione, gli uccellini lo gradiranno enormemente.

Potranno costruirvi i loro nidi ad altezza idonea da terra; vi troveranno rifugio durante i temporali estivi e le piogge prolungate; vi si raduneranno per dormire ogni sera; le foglie non mozzate malamente proteggeranno meglio dalla pioggia.
I piccoli insetti che prenderanno dimora nella siepe saranno parte del nutrimento degli uccelletti.
Ricordiamo anche che le potature delle siepi sempreverdi non vanno fatte nella stagione in cui gli uccelli si riproducono, perché potremmmo rischiare di disturbare una merla in cova che potrebbe abbandonare le uova o i nidiacei.
Potremmo togliere protezione ad un nido che era ben celato tra le fronde o addirittura di distruggerlo involontariamente.



I cespugli spesso sono accomunati alla stessa sorte delle siepi; l'unica differenza sta nella tipologia del taglio: una delle forme preferite è la classica pallotta più o meno tondeggiante che fa mostra di sè in molti giardini.
Anche in questo campo però ci sono i veri artisti dell'arte topiaria, che si spingono ben oltre, anche se con risultati di dubbio gusto...



Tiglio in estate



Albero di tiglio in estate, con la sua bella chioma naturale.



Ed ecco come si presenta d'inverno un tiglio che era stato potato correttamente.




Una piccola
GALLERIA DEGLI ORRORI









I tigli sono alberi tra i più utilizzati per le alberature stradali.
In questa città hanno pensato di potarli in stile "palo della luce"...








                       ...e in quest'altra in stile "candelabro"





A sinistra, platani che non hanno avuto miglior sorte...



Foto di destra: era un bel pino, ma è stato storpiato dall'intervento di un potatore da ... galera!






Animali SOS non aderisce a campagne pubblicitarie e non ha alcun interesse a far comparire sul tuo browser banner e pop-up; se ne vedi, sappi che non dipende da noi.

Blocca la pubblicità sul tuo browser Non sai come bloccare la pubblicità prima che arrivi sul tuo browser? Scoprilo cliccando sul lucchetto.


    


Né a Pasqua, né mai!


Articolo di Beatrice Montini (Corriere della Sera)
Investigazioni di Animal Equality Italia




Malata di sclerosi multipla e contraria alla sperimentazione animale
Dottor Stefano Cagno

Clicca la foto per l'articolo del dott. Stefano Cagno, Dirigente Medico Ospedaliero dell'Az. Osped. Desio e Vimercate (MB)
Visita EQUIVITA














Diffida sempre di quei giardinieri
che ti consigliano la capitozzatura!


                                                                                                    Sito aggiornato a